Pulizia e sanificazione socio-sanitaria
La più efficace combinazione di PRODOTTI, progetti di SORVEGLIANZA e strategie di FORMAZIONE per la riduzione delle ICA 21 Marzo 2018, Milano - Atahotel Expofiera

Agenda

08:30
09:00


09:10

Come mettere in pratica un sistema di Pulizia e Sanificazione Sanitaria equando:

–          mancano le risorse

–          vige un concetto di igiene “alternativo”

 

Due esperienze dall’Ospedale di Kasserine (TUNISIA) e di Antananarivo (MADAGASCAR)

Nel 2014, nell’immediato dopo guerra, l’Ospedale di Kasserine (Tunisia) chiede aiuto alla Regione Toscana per ridurre la diffusione dell’Epatite B in Sala Operatoria.
La stessa richiesta viene effettuata dall’ospedale di Antananarivo (Madagascar) . L’attività di due infermiere inviate sul posto si è concentrata soprattutto sulla formazione circa la pulizia e sanificazione sanitaria.


09:45

– Modelli di formazione del personale a confronto: a chi spetta il controllo?
– Quali sono gli indicatori di verifica sui comportamenti e applicazione delle procedure da parte degli addetti alla sanificazione (insourcing e outsourcing)
– Quali sono i metodi di sorveglianza per assicurare la corretta e puntuale applicazione dei protocolli?
– Come organizzare e rendere efficace la formazione del personale in compliance al Green Public Procurement?
– Come raggiungere una sinergia tra ditte e strutture ospedaliere nelle attività del formazione per gli operatori addetti alla pulizia e sanificazione: modalità e frequenza?
– Come formare e motivare il personale Non Italian Speaker ?


  • Silvia Rossi - Coordinatrice infermieristica Esperta in Prevenzione Infezioni Associate alle Cure (EPIAS), EONOSO, EOC Ente Ospedaliero Cantonale - CH
  • Manuela Catassi - Esperta nel governo dei processi di sterilizzazione e nella gestione dello strumentario chirurgico
10:15


10:45

Spunti e accorgimenti da zona che, per definizione, non può non essere pulita

– Qual è la corretta sequenza delle attività di pulizia (Pareti, Soffitti, Pavimenti, Apparecchiature)
– Quali attrezzature da utilizzare
– Come eseguire il monitoraggio della pulizia della Clean Room


  • Elena Pancisi - Operatore controllo qualità IRCCS Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori
11:15
11:45

– Attività di monitoraggio
– Attività di formazione
– Attività di igiene


  • Paolo Barlovic - Infermiere in prevenzione infezioni, EONOSO Ospedale regionale di Lugano - EOC
12:15

- Lavapavimenti VS Preimpregnato
- ECOLABEL
- Disinfettanti


12:45
14:00


14:15

La sessione pomeridiana è organizzata in 3 Tavoli Interattivi in cui i partecipanti si suddivideranno.
In ciascuno dei Tavoli – sotto la guida di un moderatore e a partire dalle singole esperienze – si affronteranno gli aspetti più critici legati ad una particolare tipologia di Infezione Correlata all’Assistenza e si redigerà una breve linea guida di comportamento.

Di tutte le infezioni si affronteranno i seguenti aspetti:

– Screening all’ingresso del paziente

– Movimentazione del paziente (PS/ reparto / RSA)

– Gestione degli ambienti e dell’igiene ambientale

– Misure di isolamento del paziente infetto

– Disinfezione quotidiana e alla dimissione

– Come valutare l’efficacia dei processi e delle strategie messe in atto

Al termine i moderatori dei singoli Tavoli Interattivi presentano in plenaria i punti salienti del lavoro effettuato.

Tre Tavoli interattivi per tre infezioni:

1. Un caso di Clostridium difficile

2. Le infezioni enterobacteriaceae resitenti ai carbapenemi

3. La diffusione dello staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA)


  • Gianni Gattuso - Dirigente Medico S.C. Malattie Infettive e Responsabile Comitato Controllo Infezioni Ospedaliere ASST Mantova - Ospedale "Carlo Poma"
  • Simona Cimetti - Ufficio epidemiologico ASST Lariana Presidio Sant'Anna di Como
  • Elena Vecchi - Medico Servizio Igiene Ospedaliera Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena
15:30
16:00